Peccati mortali

Il transessuale Zuliana Araya (e presidente del sindacato Afrodita, che riunisce i lavoratori transessuali di Valaparaiso), si è candidato come consigliere alle prossime elezioni amministrative per la città di Vina del mar, correndo con il Ppd. Succede anche in Cile, dove lo scandalo è un pochino più grande che altrove, e i soliti della Udi hanno gridato al peccato mortale. “Dio ha creato soltanto l’uomo e la donna”, ha tuonato quel campione di liberalità di Jaime Barrientos, e subito Zuliana, che si candida con il suo nome da uomo, Enrique, ha ribattuto: “Il peccato è che si paghi per un aborto che loro (quelli della Udi) hanno fomentato negando la pillola del giorno dopo”.

2 Comments to “Peccati mortali”

  1. By Massimo Rebot, September 15, 2008 @ 5:56 pm

    A questo proposito vorrei segnalare che ho appena visto in Italia lo scrittore gay cileno Pedro Lemebel, al Festival della Letteratura di Mantova, che ha molto da dire sulla discriminazione degli omosessuali in Cile. Lemebel non è molto conosciuto in Italia, ma è un buon scrittore che ha lottato contro la dittatura e per i diritti umani. Ha scritto libri di grande impegno sociale e politico e romanzi interessanti.

  2. By Dale Benton, November 12, 2008 @ 6:10 pm

    a4fsle7h5hp2h7j3